Fasi per la realizzazione di un sito con TYPO3

Destinatari: utenti dell'Ateneo che hanno chiesto un sito preconfigurato con TYPO3 CMS

Scopo: illustrare le fasi di realizzazione fino alla messa del sito in stato di produzione.

Importante:

  • Il responsabile del sito (qui indicato anche come richiedente) dovrà seguire la procedura qui indicata, suddivisa in fasi lavorative, per le quali dovrà fare esclusivo riferimento al sig. Tuveri (tel. 0432 558904, email: at(at)uniud.it).
  • il sito sarà consegnato con la grafica concordata e con un numero massimo di 3 pagine di prova
  • la gestione dei contenuti è affidata al responsabile del sito e/o altri redattori da esso incaricati.
  • l'Ainf non gestisce i contenuti del sito

FASE I - Richiesta di attivazione del servizio

Per avviare un sito con TYPO3 CMS è necessario che l'interessato compili online una richiesta accedendo all'area riservata; una volta autenticato, a destra deve premere il link per accedere alla modulistica dei siti web e cliccare il primo link che trova nella pagina (attivazione di nuovo spazio web in hosting).


FASE II - Attivazione del servizio

L'Ainf assegna lo spazio in hosting e installa TYPO3 CMS. Configura il sito con la versione più recente di  bootstrap  (o successive). 
tempo necessario: 1-2 giorni lavorativi; il richiedente riceverà una email con i dati di accesso a conferma della avvenuta attivazione
Azione: il richiedente potrà vedere un sito pronto all'uso con contenuti di prova. 


 FASE III - Nomina della persona che seguirà lo sviluppo

Il richiedente può nominare una persona che dovrà seguire lo sviluppo e realizzazione del sito, che  sarà l'unica persona dover comunicare con l'Ainf, tenendo i contatti presso il gruppo o struttura e lì proporre le modifiche, i modelli e altro.
Azione: il richiedente deve nominare un incaricato che segue la realizzazione del sito


 FASE IV - Scelta del modello di sito

Il modello del sito si basa su alcune grafiche preconfezionate. Pertanto il richiedente dovrà consultare la pagina che contiene alcuni siti già attivati  e scegliere il sito che si avvicina maggiormente alle sue esigenze; ogni sito è descritto nella pagina e dispone della voce template. Annotare il modello (template) che piace e che si avvicina maggiormente alle
Azione: scegliere e segnalare il modello preferito.

IMPORTANTE NOTA: il sito sarà personalizzato solo nei colori delle testate, voci di menu, sfondi di pagina, inserimento del logo, applicazione layout esistenti, tipi di caratteri delle testate e testo, loro colore. Non si possono applicare modifiche sostanziali al modello preesistente, del tipo ad. es. (non esaustivo): spostamento o inserimento di nuove colonne o righe, inserimento di menu in zone non previste, 


 FASE V - Documenti necessari per il sito

Il richiedente dovrà raccogliere alcuni documenti necessari per la configurazione del sito, qui elencati:

  • COLORI DA UTILIZZARE NEL SITO - tipicamente in ogni modello grafico non si va oltre due colori, uno primario e l'altro secondario. Riferito al modello di base, scegliere: lo sfondo della barra di navigazione, gli effetti al passaggio del mouse sopra le voci di menu; i colori delle voci di menu; i colori applicati ai collegamenti (link); i colori dell'area a piè di pagina (footer).
  • PROGETTO GRAFICO - per la disposizione degli elmenti di contenuto potrà anche presentare un documento in formato  .PPT, PSD, TIFF, JPG, GIF per dare una idea di come desidera disporre ad es. loghi, menu e altro. L'Ainf si riserva di accogliere eventuali proposte di modifica a patto che non si discostino troppo dal modello scelto.
  • ALBERO DELLE PAGINE - Si prevedono dei menu di primo livello e menu di secondo livello. Consultando il sito http://ainf.uniud.it i menu di primo livello sono quelli che si vedono in tutte le pagine (in alto: HOME RETI   PC STAMPANTI ...) quelli di secondo livello sono quelli che si aprono a tendina ad esempio cliccando su PC/STAMPANTI. Creare un elenco nomi delle pagine principali del sito e di quelle secondarie, tenendo conto di altre eventualmente collegate a piè di pagina, contenenti: condizioni d'uso, privacy, uso di cookies, ecc.
  • PAROLE CHIAVE E DESCRIZIONE DELLA PAGINA PRINCIPALE - Comunicare un breve testo, massimo 200 caratteri, che descrive le attività del sito e un massimo di una trentina di parole chiave (es.laboratorio,geomatica,ingegneria,sperimentazione,farmaci)
  • MESSAGGIO DI COPYRIGHT - appare a piè di pagina; va indicato il nome del sito, il dipartimento di afferenza, eventuali collegamenti a condizioni d'uso, privacy, ecc.
  • LINGUE DEL SITO - decidere quale è la lingua principale del sito, che è quella presentata al visitatore quando si collega, e le lingue alternative (es. principale: italiano, alternativa: inglese). Per ogni lingua alternativa presentare una traduzione dell'albero delle pagine, delle parole chiave e dell messaggio di copyright e dei messaggi del carosello
  • IMMAGINI per un eventuale carosello: se a pieno schermo, larghe 1900 px, se per caroselli inferiori (es. per la sola pagina) con larghezza dai 600 ai 1200px). Se non disponi di immagini cerca in google.it e non usare quelle sotto copyright. Un sito dal quale scaricare le immagini gratuitamente è http:://pixabay.com.
  • CAROSELLO - se il sito è dotato di un carosello (immagini che si alternano) l'assegnatario dovrà sceglierle con cura tra un set di fotografie che sono compatibili tra loro, es. che hanno la medesima luce, atmosfera e cromatismo. Dovrà anche studiare i testi da inserire; il carosello infatti serve per attirare l'attenzione sui principali servizi offerti e messaggi da comunicare con immediatezza al visitatore. Ogni immagine di carosello, inserendo un link,  può essere collegata a una pagina interna. Il carosello come tutti gli altri elementi di contenuto, potranno essere modificati direttamente dal redattore.
  • TESTI - l'Ainf non gestisce i testi e si limita a formare alcune pagine di prova dotate di testo e immagini, per dare una idea del funzionamento del sito
  • MODULO CONTATTI - su richiesta sarà configurato un modulo (form) con i campi personalizzati, così da evitare l'esposizione degli email alla cattura in rete. In alternativa è possibile pubblicare gli email in formato crittografato antispam. Se scelto il modulo contatti elencare una lista dei campi da configurare (nome, cognome, oggetto, testo, condizioni, ecc.)
  • SERVIZI AGGIUNTIVI  da attivare, es: news. newsletter, moduli contatti, modulo di registrazione, ecc.; saranno discussi al punto successivo in fase di colloquio per la personalizzazione.

Azione: procurarsi il materiale idoneo al sito, più sopra in elenco. Salvare i documenti tutti i documenti in una chiavetta.


FASE VI -Predisposizione del logo

Il richiedente deve avere le idee chiare sul logo da inserire nel sito. Questa infatti è una delle scelte più importanti sulla quale ruota tutta la progettazione del sito e i colori da usare per i vari oggetti (pulsanti, sfondi, ecc.)

Se il logo da trasmettere non è definitivo, il lavoro non potrà proseguire.

  • va detto che il LOGO non viene progettato dall'Ainf;  il lavoro è a carico del richiedente il servizio
  • formato del logo: TIFF, TIF, GIF o JPG (non compresso). Il formato migliore è GIF con opzione trasparente. Nel caso disponga di formato per Photoshp (.PSD) accertarsi che logo ed eventuali diciture siano suddivise per livelli. Dimensione: 600x600 minima.
  • Nel caso il logo non esista è possibile sostituirlo con una scritta  di solo testo.

se presentato in forma modificata e in tempi successivi al primo invio, l'upload del logo sarà a carico del richiedente.
Azione: eventualmente ideare il logo. Inviare il logo per una prima valutazione e la scelta dei colori. Il logo deve essere definitivo e non modificato nel tempo.


FASE VII - Colloquio per la personalizzazione

Il richiedente munito di tutti i documenti può chiedere un appuntamento breve (max 1,5 ore) per accordarsi circa le necessità ed eventuale software da installare nel sito, esigenze particolari, altro.
L'appuntamento avrà luogo solo se l'incaricato di seguire il sito dispone di tutti i documenti di cui al punto V precedente.
Azione: contattarmi  per concordare un appuntamento. Ricevo solo per appuntamento perchè già impegnato nella gestione di altri servizi web e formazione di siti in coda.


FASE VIII - Configurazione del sito

Il personale Ainf provvede a configurare  il sito preinstallato inserendo il logo, predisponendo l'albero delle pagine, definendo i colori da usare. I tempi di realizzazione variano un funzione di lavori già in coda e dalle urgenze eventuali nella gestione del server, che hanno la massima priorità sul lavoro in corso.
Nota importante: il sito è visibile e non è in fase di produzione. Pertanto sarà realizzato con alcune pagine con il solo intento di dare una idea circa l'aspetto finale. In questa fase è inutile chiedere a me continue modifiche, inserimento di contenuti, cambiamento di titoli e altro; sarà il redattore (vedi punto successivo) autonomamente ad effettuare eventuali cambiamenti.


Fase IX - Formazione

Istruzione di un massimo di 1-3 persone presso l'Ufficio Ainf o la sede del richiedente. Sebbene la gestione di un sito sia semplice, è necessario un breve corso della durata massima di 2,5 ore con ripetizione a distanza di tempo (7-15 gg. dopo) per ulteriori dettagli, funzioni avanzate o nozioni apprese male. 
Nell'ambito della formazione (fase VII) saranno stabiliti anche i compiti di ogni redattore.
Azione:  concordare luogo, orari e modalità di svolgimento del breve corso. Terminata la prima parte il redattore dovrà compilare un numero massimo di 3 pagine di prova, vedi fase successiva.


Fase X - Editing dei contenuti

Comunicare i nomi ed email dei redattori che sono nominati dal responsabile del sito per la gestione dei contenuti. 
Azione: ricevuti i nominativi saranno creati dei codici di accesso al CMS, inviati al responsabile del sito. I redattori già formati inziano a modificare i contenuti. In questa fase è vivamente consigliato allestire un numero massimo di 3 pagine di prova. Segue infatti un secondo incontro per valutare gli errori nella composizione, derivanti da mancanza di conoscenze avanzate e gusto estetico,
Se il redattore prosegue nella realizzazione del sito e non corregge questi errori iniziali, lo fa a suo rischio: può capitare che debba rimettere mano a tutti i contenuti e perdere poi molto tempo inutilmente.
Consiglio: l'editing dei contenuti per il sito in produzione dovrà avvenire solo dopo la conclusione della seconda tornata di formazione.


Fase XI - Sito in produzione e SEO

Una volta terminato il sito questo va in produzione e l'Ainf dovrà segnalarlo a google per la indicizzazione e l'uso di altre tecniche per migliorare la visibilità in rete. Non è indicato nè consigliato o possibile indicizzare il sito prima che questo disponga dei contenuti dovutamente inseriti.
Azione: Il responsabile del sito avrà cura di comunicare lo stato in produzione e l'avvenuta conclusione del sito; il tecnico registra il sito in Google e configura la parte SEO per altri motori.

Opzionale: su specifica richiesta posso provvedere a verificare la disposizione dei contenuti, logica nella formazione dell'albero delle pagine, eventuali problemi o sviste dei redattori, controllando il sito prima della messa in produzione.


Fase XII - Problemi di funzionamento

Il sito è stato completato dai redattore, è in linea e in fase di produzione. Non si può escludere un malfunzionamento dovuto a svista o difetto, data la complessità di configurazione del prodotto e le numerose opzioni disponibili. Pertanto in questo caso e in tempi futuri segnalatemi eventuali problemi notati nel tempo (vedi riferimenti ad inizio pagina).


IMPORTANTE NOTA FINALE

 In futuro potrà essere integrato con eventuali servizi non installati, ad es: blog, news. newsletter, connettori facebook, ecommerce, sicurezza, SEO avanzato, gestione dei foirm (moduli), registrazione ad aree riservate, download protetto,  ecc. vedi il repository di TYPO3 per conoscere quali plugin/estensioni possono essere adatte alle tue esigenze.
Per ogni successiva richiesta, potete contattarmi - va detto però che i lavori di installazione plugin/estensioni per un sito già in produzione hanno una priorità inferiore  rispetto alla realizzazione ex-novo di un sito, migrazione o gestione del server.